TURISMO: LA MAFIA NELLE IMPRESE DEL MARE, UN CONVEG [..]

La reception di un Hotel
Legalità e sviluppo sostenibile per le imprese turistiche ricettive, salvaguardia dell'interesse pubblico, tutela dell'ecosistema e analisi delle infiltrazioni malavitose. Balnearia, la fiera del turismo marino, che si svolgerà a Carrarafiere dal 22 al 26 febbraio, ospita lunedì 23 il dibattito organizzato dai Balneari Toscani. Il dibattito riguarda una tematica di assoluta attualità, che sarà affrontata con ospiti di rilievo come Federica Angeli, giornalista di Repubblica sotto scorta dal luglio 2013 a seguito della sua inchiesta sul racket degli stabilimenti balneari di Ostia per la quale è stata vittima di minacce da parte della malavita organizzata. Al suo fianco Angelo Gentili, responsabile nazionale del Turismo di Legambiente che si propone di dare vita ad un patto tra operatori del settore e territori per far sì che il turismo diventi motore di sviluppo sostenibile. Parteciperà al dibattito anche Sebastiano Venneri che è stato a lungo alla guida del settore mare di Legambiente ed è un esperto di parchi e aree marine protette. Prevista la partecipazione di un alto magistrato che affronterà il delicato tema delle aste pubbliche, delle concessioni demaniali, ipotesi attualmente al vaglio delle istituzioni, ma anche il tema sempre presente delle possibili infiltrazioni della criminalità organizzata.

L'argomento genera interrogativi complessi sia in relazione al fenomeno delle possibili infiltrazioni sia ai controlli antimafia che dovrebbero essere messi in atto dalle autorità locali. Si tratta di argomenti delicati che gli operatori intendono affrontare pubblicamente in tutti i loro aspetti per dare risposte legate ad esperienze dirette e specifiche come quelle di Daniela Frangioni, portavoce dei Balneari Toscani che rappresenterà la categoria nel corso del dibattito che sarà coordinato da Emiliano Liuzzi, giornalista de Il Fatto Quotidiano.