DECRETO GREEN PASS-PRIME INDICAZIONI

 
Di seguito una sintesi delle principali misure contenute nel decreto sul Green Pass.

Green pass obbligatorio dal 6 agosto per tutti i cittadini che hanno più di 12 anni per accedere ai servizi di ristorazione svolti da qualsiasi esercizio per il consumo al tavolo la chiuso (quindi anche nei bar, ma non al bancone), per assistere agli spettacoli al cinema e a teatro, per partecipare a eventi e competizioni sportive, per andare nelle piscine, nelle palestre, ma anche a fiere, sagre, convegni, parchi divertimento, sale gioco, partecipazione a concorsi, centri sociali, musei.

I titolari o i gestori dei servizi e delle suddette attività sono tenuti a verificare esclusivamente tramite la app VerificaC19 che l’accesso a tali servizi e attività avvenga previa esibizione del Green Pass.

L’interessato, su richiesta del verificatore, esibisce un proprio documento di identità in corso di validità ai fini della verifica di corrispondenza dei dati anagrafici presenti nel documento con quelli visualizzati dall’App.


- link con la guida per gli operatori che potranno scaricare l’app gratutita di verifica nazionale VerificaC19 https://www.dgc.gov.it/web/app.html
- la guida al Green Pass del Ministero della Salute.

In merito all'obbligo del possesso del Green Pass da parte di tutti gli operatori (siano essi imprenditori, collaboratori o dipendenti) che lavorano nelle imprese per accedere alle quali il Decreto prevede tale certificazione, si specifica che il DL 145/2021 dispone l’obbligo di green pass agli utenti per accedere a determinati luoghi ma non dispone nè l’obbligo, né la facoltà per il titolare di tali attività di verifica verso i propri dipendenti.

Il green pass avrà validità:

1. dal quindicesimo giorno successivo alla somministrazione della prima dose del vaccino fino alla data della 2^ dose; dal completamento del ciclo vaccinale, la validità delle certificazioni verdi COVID-19 di avvenuta vaccinazione è pari a 9 mesi;
2. a seguito di un tampone con esito negativo eseguito entro le 48 ore precedenti;
3. in caso di guarigione dal Covid, di sei mesi dal primo test molecolare positivo.

Per quanto riguarda i tamponi sarà definito un protocollo d'intesa con le farmacie per la somministrazione di tamponi rapidi a prezzi contenuti che tengano conto dei costi di acquisto.

Sanzioni
In caso di violazione può essere elevata una sanzione pecuniaria da 400 a 1000 euro sia a carico dell’esercente sia dell’utente. Qualora la violazione fosse ripetuta per tre volte in tre giorni diversi, l’esercizio potrebbe essere chiuso da 1 a 10 giorni.

In attesa di aggiornamenti in merito all'applicazione del nuovo Decreto, per ulteriori informazioni in merito le aziende interessate possono contattare gli uffici della CNA Massa Carrara.